origini

Origini antiche

E-mail Stampa PDF

Illi de Mora

Nell’area si sono trovate tracce di etĂ  romana, forse in connessione con un’antica via. I documenti d’archivio attestano la pertinenza del fondo agricolo alle proprietĂ  del grande monastero regio di S. Pietro in Ciel d’Oro in epoca medievale e successivamente alla Collegiata della SS. TrinitĂ . Al centro del nucleo edificato una “struttura a torre” conserva i muri, una finestra e un camino del secolo XV. 


Un disegno del secolo XVI definisce gli andamenti della via di Vignate, dei campi e le loro colture anche “a vite”, appunto, dei corsi d’acqua (il Naviglio vecchio e la Calvenza), e delle proprietĂ , riferite a “Illi de Mora”. La famiglia ebbe proprietĂ  anche nella zona di Vigevano.

Il nome "De Mora" è molto diffuso nell'Italia centro settentrionale, relativamente a insediamenti agrari. Nel pavese il Mulino di Mora bassa e la Roggia Mora presso Vigevano, sono significative testimonianze di epoca sforzesca di altri luoghi che portano questo nome.